Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1998 Giugno;5(2) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1998 Giugno;5(2):97-110

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1998 Giugno;5(2):97-110

lingua: Inglese, Italiano

Ecocardiografia transesofagea nello studio della patologia ectasiante dell’aorta toracica (Variabilità intra- ed interosservatore)

Salvini M., Palmieri P., Bonalumi G., Odero A.

From the Department of Surgery Vascular Surgery Clinic San Matteo Polyclinic, Pavia (Head: Prof. A. Odero) Pavia University


PDF  


Obiettivo. La velocità di espansione degli aneurismi toracici e toraco-addominali non è nota. L’ecocardiografia transesofagea (ETE) potrebbe giocare un ruolo fondamentale nel definire la storia naturale delle ectasie dell’aorta toracica in pazienti non operati. L’accuratezza della metodica nel fornire stime affidabili di variazioni di diametro del vaso viene indagata in termini di variabilità inter ed intraosservatore.
Metodi. Dieci soggetti sottoposti ad ETE per sospetto di aneurisma dell’aorta toracica o toraco-addominale. Registrazione di esame ETE standard su supporto magnetico SVHS (sonda biplana 5 MHz; setting libero). Letture ripetute in sequenza random dei massimi diametri di aorta ascendente, arco aortico ed aorta discendente da parte di due operatori in cieco.
Analisi statistica. AOV per letture ripetute (differenze fra misurazioni e fra esami). Determinazione del coefficiente di variazione su tre letture per ogni segmento esaminato (variabilità intraosservatore). Valutazione della concordanza intra ed inter-operatore (coefficiente di correlazione). Media delle differenze assolute fra letture e fra operatore e suoi limiti di confidenza (variabilità espressa in termini di variazioni di diametro in letture indipendenti).
Risultati. Eccellente ripetibilità delle stime di diametro (coefficiente di variazione intraoperatore compreso fra 0 e 7%) in tutti i segmenti aortici, con minore accuratezza nella valutazione dell’arco aortico. Coefficiente di correlazione intra ed inter-osservatore prossimo all’unità in tutti i segmenti, con relazione lineare significativa. Limiti fiduciali della media delle differenze assolute compresi entro 1 mm. Occasionali scarti fra letture, in termini di differenze assolute, superiori ai limiti noti di crescita degli aneurismi, con differenze massime sino a 4 mm in arco aortico.
Conclusioni. L’accuratezza dell’ETE appare elevata in termini di variabilità intra ed interosservatore quando si considerino i valori medi ottenuti nell’intera popolazione in studio. Quando la metodica sia utilizzata per un giudizio sul grado di espansione della massa in singoli pazienti, si possono verificare scarti assoluti che la rendono inaffidabile ai fini di decisioni cliniche basate sulle variazioni di diametro. Giudici sull’evoluzione delle lesioni in casi singoli devono quindi essere formulati con cautela.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail