Ricerca avanzata

Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1998 Marzo;5(1) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1998 Marzo;5(1):29-42

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1998 Marzo;5(1):29-42

 ARTICOLI ORIGINALI

Anestesia locoregionale versus anestesia generale nella chirurgia della carotide

Mangiacotti B., Forliti E., Varroni A., Panella L. *, Aloisi P. **, Petrassi C., Ventura M., Spartera C.

From the Chair of Vascular Surgery (Head: Prof. C. Spartea) University of L’Aquila, L’Aquila, Italy
* Anesthesia and Reanimation Unit ** Neurophysiopathology Unit Hospital S. Salvatore, L’Aquila, Italy

Introduzione. In corso di tromboendoarterectomia carotidea (TEA), la tecnica anestesiologica è importante sia nella prevenzione dell’ischemia da clampaggio che nella protezione cerebrale. La revisione della letteratura di studi randomizzati e non randomizzati non ha mostrato una reale superiorità dell’anestesia generale (AG) verso l’anestesia loco-regionale (ALR) con complicanze perioperatorie sovrapponibili. Lo scopo è quello di determinare alcuni aspetti tecnici e clinici della ALR nei confronti della AG e verificare se «la scelta anestesiologica» possa influenzare i risultati perioperatori dei pazienti sottoposti a TEA. In modo particolare abbiamo considerato l’andamento dei valori tensivi durante l’intervento e le complicanze perioperatorie.
Metodi. Abbiamo studiato retrospettivamente 300 interventi consecutivi di TEA carotidea, di cui 226 (75,3%) in ALR e 74 (24,7%) in AG.
Risultati. I valori tensivi nel gruppo in ALR sono stati più stabili con una migliore risposta cardiovascolare al clampaggio carotideo con conseguente aumento della perfusione cerebrale.
Conclusioni. Anche se la tecnica anestiologica non influenza il risultato finale della TEA ci sono diversi vantaggi della ALR quali il miglior controllo neurologico e cardiovascolare del paziente e l’ospedalizzazione più ridotta. L’ALR rimane controindicata in caso di rifiuto da parte del paziente, difficoltà anatomiche e quando il test di tolleranza al clampaggio impone l’uso dello shunt.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina