Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2013 December;63(4) > Otorinolaringologia 2013 December;63(4):163-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2013 December;63(4):163-7

lingua: Inglese

L’acido tranexamico può ridurre il sanguinamento dopo tonsillectomia? Uno studio pilota

Robb P. J. 1, Ewah B. 2

1 ENT Department Epsom and St Helier University Hospitals, Epsom, UK;
2 Department of Anesthesia Epsom and St Helier University Hospitals, Epsom, UK


PDF  


Obiettivo. La complicanza più significativa e comune a seguito di tonsillectomia è l’emorragia. L’acido tranexamico (TXA), un antifibrinolitico sintetico, è stato ampiamente utilizzato per limitare il sanguinamento durante l’intervento chirurgico e a seguito di trauma multiplo. In questo studio pilota di adulti sottoposti a tonsillectomia, abbiamo voluto valutare l’eventuale effetto del TXA somministrato come singola dose per via endovenosa durante l’intervento chirurgico e per dieci giorni per via orale sul sanguinamento post operatorio dopo tonsillectomia.
Metodi. Uno studio pilota prospettico di adulti sottoposti a tonsillectomia elettiva mediante coblazione per tonsilliti ricorrenti tra gennaio 2007 e gennaio 2013. Gli esiti per il sanguinamento post-operatorio sono stati confrontati con i dati del UK National Prospective Tonsillectomy Audit.
Risultati. Durante il periodo di studio, 112 adulti sono stati sottoposti tonsillectomia elettiva per tonsillite ricorrente. Non si sono verificate emorragie reazionarie. Nessun paziente ha necessitato di riammissione, ripetizione di intervento chirurgico o trasfusione ematica a seguito di tonsillectomia. Durante la seconda settimana postoperatoria, tre pazienti hanno riferito la produzione di saliva con macchie di sangue e un paziente ha sputato un piccolo volume di sangue. Nessuno di questi pazienti si è rivolto al medico per questi episodi minori e limitati. Due pazienti hanno manifestato nausea dovuta a TXA, uno di entità sufficiente a dover interrompere il farmaco. Una paziente è stata esclusa da questo studio perché aveva un deficit congenito della proteina S, una controindicazione relativa al farmaco antifibrinolitico.
Conclusioni. Questo studio pilota osservazionale dimostra che il TXA può ridurre sia la frequenza sia la gravità del sanguinamento postoperatorio dopo tonsillectomia. Questi risultati preliminari giustificano ulteriori indagini in uno studio prospettico randomizzato di maggiori dimensioni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail