Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2013 June;63(2) > Otorinolaringologia 2013 June;63(2):99-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2013 June;63(2):99-106

lingua: Italiano

Vivere la malattia di Meniere: valutazione dell’esito di un questionario autocompilato sulla qualità di vita

Albera R. 1, Messina A. 2, Argentero P. G. 3, Pirodda A. 4, Vergnano M. T. 1, Albera A. 1, Cassandro C. 1, Dagna F. 1, Sammartano A. M. 1

1 Dipartimento di Scienze Chirurgiche Università degli Studi di Torino;
2 Università degli Studi di Palermo;
3 Università degli Studi di Pavia;
4 Università degli Studi di Bologna


PDF  


La diagnosi della malattia di Menière (MM) è basata sulle caratteristiche della vertigine e dell’ipoacusia. La MM si presenta in modo estremamente variabile e poco prevedibile e vi sono soggetti che vivono i sintomi correlati alla MM in modo relativamente sereno accanto ad altri che subiscono i disturbi in modo molto angosciato, al punto di modificare le proprie abitudini di vita. Lo studio è stato condotto su 236 soggetti affetti da malattia di MM unilaterale di grado definito, secondo quanto richiesto dall’AAO-HNS. A tutti i soggetti è stato sottoposto un questionario composto da 55 items appositamente predisposto al fine di analizzare le problematiche ed i comportamenti dei pazienti affetti da MM. Nella maggior parte dei casi alla vertigine si associano nausea e vomito e sono molto frequenti instabilità e senso di confusione. Gli acufeni vengono riferiti come molto frequenti e spesso sono giudicati insopportabili. Le problematiche riferite alla qualità della vita più comunemente riferite sono state l’indecisione, la paura del futuro, il senso di inadeguatezza, la tristezza, la ridotta disponibilità a divertirsi, il senso di stanchezza ed il disinteresse. In conclusione appare evidente come la MM determini un grave danno sia alla qualità di vita che delle capacità lavorative e ludiche dei soggetti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail