Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2013 June;63(2) > Otorinolaringologia 2013 June;63(2):53-61

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

  CANCRO DELLA TIROIDE


Otorinolaringologia 2013 June;63(2):53-61

lingua: Inglese

Tecniche chirurgiche mini-invasive nella gestione del carcinoma differenziato della tiroide

Tucker N., Mitchem J., Gillanders W.

Unit of Endocrine and Oncologic Surgery, Department of Surgery, Washington University School of Medicine, Saint Louis, MO, USA


PDF  


Il cancro della tiroide è il quinto tumore più comune nelle donne, con circa 60.220 nuovi casi attesi negli Stati Uniti nel 2013 e l’incidenza continua ad aumentare ogni anno. Fortunatamente, la maggior parte dei casi sono tumori della tiroide ben differenziati con ottima prognosi generale.
Persiste la controversia per quanto riguarda la gestione chirurgica ottimale del tumore differenziato della tiroide, in termini di estensione della resezione della tiroide (lobectomia tiroidea vs tiroidectomia totale) e di utilità della dissezione profilattica del compartimento centrale (pCND) nella PTC a basso rischio e nel microcarcinoma papillare della tiroide (PTMC, definito come <10 mm). Gli approcci chirurgici alla tiroide sono progrediti, dall’incisione aperta di Kocher a tecniche mini-invasive, che includono tiroidectomia endoscopica e robotica. Nel complesso, queste tecniche mini-invasive hanno dimostrato di essere sicure e sembrano essere associate ad una migliore estetica e alla diminuzione del dolore rispetto alla tiroidectomia aperta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail