Ricerca avanzata

Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2012 Settembre;62(3) > Otorinolaringologia 2012 Settembre;62(3):149-59

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOOTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Otorinolaringologia 2012 Settembre;62(3):149-59

APPROCCI TRANSORALI NEL CARCINOMA OROFARINGEO 

Approcci transorali all’orofaringe: il revival dell’intervento chirurgico per il carcinoma orofaringeo

Chan J. Y. K., Li R. J., Richmon J. D.

Department of Otolaryngology, Head and Neck Surgery, Johns Hopkins University, Baltimore, MD, USA

Prima dell’evoluzione delle strategie di conservazione degli organi con radioterapia e chemioterapia, la chirurgia del carcinoma orofaringeo interessava soprattutto le procedure morbose per via transcervicale e transmandibolare. Recentemente, i progressi tecnologici hanno portato a un rinnovato interesse per il trattamento chirurgico iniziale del carcinoma orofaringeo, soprattutto a causa della crescente incidenza dei tumori orofaringei, rispetto al cancro della testa e del collo in altri siti secondari. In particolare, la microchirurgia laser transorale e la chirurgia robotica transorale sono due tecniche che consentono la completa resezione oncologica attraverso la bocca, in pazienti selezionati, con minima deformità estetica e funzione ottimale di eloquio e deglutizione. Ciò è particolarmente rilevante nei pazienti più giovani e più sani, affetti da carcinoma squamocellulare associato a virus del papilloma umano. In questo articolo passeremo in rassegna gli approcci transorali al carcinoma orofaringeo: il suo sviluppo, i risultati oncologici e funzionali e il suo ruolo nel trattamento multidisciplinare del cancro orofaringeo.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina