Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2012 Settembre;62(3) > Otorinolaringologia 2012 Settembre;62(3):141-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

  APPROCCI TRANSORALI NEL CARCINOMA OROFARINGEO


Otorinolaringologia 2012 Settembre;62(3):141-7

lingua: Inglese

Chirurgia per carcinoma del cavo orale

Crozier E., Sumer B. D.

Department of Otolaryngology, Head and Neck Surgery, University of Texas Southwestern Medical Center at Dallas, Dallas, TX, USA


PDF  


L’incidenza dei tumori del cavo orale, la maggioranza dei quali sono carcinomi a cellule squamose, è aumentata drasticamente negli Stati Uniti e in Europa, soprattutto nelle persone nate dopo il 1915. Molto probabilmente questo incremento è legato all’aumento dell’esposizione a tabacco e alcol, due fattori di rischio noti per questa malattia. La cavità orale è uno spazio complesso altamente visibile con importanti funzioni di eloquio, masticazione, preparazione del bolo e inizio del meccanismo di deglutizione e quindi i tumori in quest’area hanno un impatto potenzialmente elevato sulla qualità di vita dei pazienti. L’asportazione chirurgica è il fondamento della terapia iniziale definitiva per i carcinomi orali. Gli obiettivi della terapia sono la rimozione completa del tumore, la conservazione della forma e della funzione originale della cavità orale e l’uso di tecniche ricostruttive per ripristinare i deficit funzionali della cavità orale. Questo articolo affronta alcuni dei principi dell’asportazione chirurgica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail