Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2012 June;62(2) > Otorinolaringologia 2012 June;62(2):121-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

  OTITE MEDIA


Otorinolaringologia 2012 June;62(2):121-30

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ruolo dei biofilm nell’otite media: una rassegna

Coticchia J., Sheyn A., Nation J.

Division of Pediatric Otolaryngology, Department of Otolaryngology, Head and Neck Surgery, Wayne State University School of Medicine, Detroit, MI, USA


PDF  


Vi è una crescente evidenza a sostegno del fatto che i biofilm rinofaringei rivestono un ruolo fondamentale nella patogenesi dell’otite media. Più del 65% delle infezioni umane sono state collegate al fenotipo del biofilm. Inoltre, il paradigma del biofilm fornisce una spiegazione per la natura cronica e ricorrente dell’otite media. I biofilm sono definiti come un assembramento di cellule microbiche racchiuse in una matrice di exopolisaccaridi (EPS), le quali beneficiano di uno stile di vita unico. I biofilm sono anche 100-1000 volte più resistenti alla terapia antimicrobica e l’identificazione di biofilm nell’orecchio medio e nella rinofaringe suggerisce che tali ecosistemi microbici possono rivestire un ruolo dominante nella patogenesi dell’otite media. Negli ultimi 10-15 anni sono stati realizzati importanti studi sui biofilm, nel nostro e in altri settori. Abbiamo cercato di raccogliere e passare in rassegna tali articoli in maniera concisa per fornire un’immagine chiara di come questo fenotipo sia correlato alla patogenesi dell’otite media.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail