Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2011 Dicembre;61(4) > Otorinolaringologia 2011 Dicembre;61(4):127-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI IN OTORINOLARINGOLOGIA NEL 2011


Otorinolaringologia 2011 Dicembre;61(4):127-41

lingua: Inglese

Il Bcl-2 previene la perdita dell‘udito in un modello murino di trauma acustico

Pfannenstiel S. C. 1, 2, Praetorius M. 1, 2, Imig T. J. 3, Plinkert P.-K. 2, Brough D. E. 4, Staecker H. 1

1 Department of Otolaryngology Head and Neck Surgery, University of Kansas School of Medicine, Kansas City, KS, USA
2 Department of Otolaryngology Head and Neck Surgery, University of Heidelberg, Heidelberg, Germany
3 Department of Molecular and Integrative Physiology, University of Kansas Medical Center, Kansas City, KS, USA
4 GenVec Inc., Gaithersburg, MA, USA


PDF  


È stato dimostrato che la sovraespressione del bcl-2 previene la morte delle cellule ciliate in un modello di ototossicità in vitro e in vivo. Per determinare se il meccanismo di lesione influenzi gli effetti protettivi del bcl-2 abbiamo sviluppato un modello murino di trasferimento del bcl-2 in seguito al trauma acustico. I topi adulti C57Bl/6 sono stati sottoposti a un‘esposizione acustica di 115 dB a 16 kHz per due ore. I potenziali uditivi del tronco encefalico (ABR) e le emissioni otoacustiche da prodotti di distorsione (DPOAE) sono stati valutati prima del trauma acustico e 24 giorni dopo il trauma acustico. Le coclee, infine, sono state rimosse e l‘orecchio interno è stato esaminato attraverso sezioni seriali spesse con microscopia confocale per stabilire il grado di perdita di cellule ciliate. Un secondo gruppo di topi è stato pretrattato con un adenovettore di ultima generazione esprimente bcl-2 umano, trasferito attraverso il canale semicircolare posteriore. Settantadue ore dopo il trasferimento del vettore i topi sono stati esposti al suono. Le soglie uditive sono state valutate sia prima del trasferimento del vettore e dell‘esposizione al suono sia al 10° e al 24° giorno dopo l‘esposizione al suono. Successivamente, sono stati determinati i conteggi delle cellule ciliate. È stato scoperto che il pretrattamento con bcl-2 protegge le cellule ciliate in seguito al trauma acustico rispetto ai topi di controllo pretrattati con vettore e ai topi trattati solo acusticamente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail