Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2011 Dicembre;61(4) > Otorinolaringologia 2011 Dicembre;61(4):101-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2011 Dicembre;61(4):101-9

lingua: Italiano

SUN test (Speech Understanding in Noise): un test automatico per lo screening uditivo dell’adulto

Paglialonga A., Tognola G., Grandori F.

Istituto di Ingegneria Biomedica (ISIB), Milano, Italia


PDF  


Obiettivo. Sviluppare e mettere a punto un test automatico (il SUN test - Speech Understanding in Noise) per lo screening uditivo della popolazione adulta.
Metodi. Il SUN test è un test basato sul riconoscimento a scelta multipla di consonanti intervocaliche (VCV) in presenza di rumore. Consiste nella presentazione in cuffia di stimoli VCV con rumore di competizione crescente, e nella rappresentazione su un touch-screen di tre alternative, fra le quali il soggetto identifica lo stimolo percepito. Il test fornisce una valutazione qualitativa delle capacità uditive: “verde” = “nessuna difficoltà di riconoscimento”; “giallo” = “è opportuno valutare il profilo audiometrico con i metodi dell’audiometria tradizionale”; “rosso” = “è necessario effettuare una visita audiologica presso strutture qualificate”. Il test è stato messo a punto sul una popolazione di più di 1300 soggetti tra 13 e 89 anni. Il test è stato sviluppato, oltre che per la lingua italiana, anche in altre lingue tra cui Inglese, Tedesco, Francese, Spagnolo. Nel presente lavoro sono illustrati e discussi i risultati più rilevanti ottenuti con il test in lingua italiana.
Risultati. Il SUN test è di esecuzione molto semplice, veloce (meno di 1 minuto per orecchio), affidabile e ben accetto anche da soggetti di età avanzata. Il test si presta ad essere impiegato anche in ambienti con elevato rumore di fondo, e pertanto anche al di fuori di ambienti clinici controllati.
Conclusioni. I risultati si possono ritenere incoraggianti rispetto ad un possibile impiego, in futuro, del SUN test per lo screening uditivo della popolazione adulta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail