Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2011 September;61(3) > Otorinolaringologia 2011 September;61(3):71-87

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI IN OTORINOLARINGOLOGIA 2011


Otorinolaringologia 2011 September;61(3):71-87

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gestione corrente di un nodulo tiroideo

Tufano R. P. 1, Noureldine S. I. 2, Kandil E. H. 2

1 Division of Head and Neck Cancer Surgery, Department of Otolaryngology-Head and Neck Surgery, Johns Hopkins School of Medicine, Baltimore, MD, USA;
2 Division of Endocrine and Oncological Surgery, Department of Surgery, Tulane University School of Medicine, New Orleans, LA, USA


PDF  


I noduli tiroidei vengono comunemente riscontrati da specialisti di un’ampia gamma di discipline e stanno diventando sempre più diffusi. L’importanza clinica dei noduli tiroidei risiede nella necessità di escludere le malignità tiroidee. Utilizziamo l’attuale evidenza e le linee guida per discutere delle opzioni di gestione. L’ecografia è spesso la prima modalità di imaging efficace utilizzata per valutare un nodulo tiroideo. L’indagine dovrebbe anche includere un’anamnesi e una visita accurate e i test di funzionalità tiroidea. Una bassa concentrazione sierica dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) indica ipertiroidismo manifesto o subclinico, aumentando possibilità che il nodulo sia caldo o autonomo e richiede una scintigrafia ai fini della valutazione. L’agoaspirazione ecoguidata con ago sottile fornisce informazioni specifiche e dirette sulla citologia del nodulo. L’applicazione di marcatori genetici ai campioni di FNAB offre un’accuratezza diagnostica migliore. I noduli tiroidei diagnosticati come benigni necessitano di follow-up con esami ecografici seriali. Si prende inoltre in considerazione la gestione dettagliata delle lesioni indeterminate. Il carcinoma differenziato della tiroide (differentiated thyroid cancer, DTC) rappresenta la maggior parte dei carcinomi tiroidei. La modalità terapeutica primaria per i noduli maligni è l’intervento chirurgico, tramite tiroidectomia totale. Viene anche discusso il trattamento chirurgico effettuato secondo l’estensione della patologia. Le metastasi dei linfonodi regionali sono presenti al momento della diagnosi nel 20-90% dei pazienti con DTC, aumentando i tassi di mortalità. I linfonodi sospetti dovrebbero essere sottoposti ad aspirazione bioptica con ago sottile. Per risultati positivi, dovrebbero essere eseguite delle dissezioni compartimentali aggiuntive dei linfonodi. Nel presente articolo è discusso inoltre il ruolo della terapia con radioiodio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail