Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2010 September;60(3) > Otorinolaringologia 2010 September;60(3):183-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

  TERAPIE INTRATIMPANICHE PER I DISORDINI DELL’ORECCHIO INTERNO


Otorinolaringologia 2010 September;60(3):183-8

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La gentamicina intratimpanica: suo effetto sull’udito e strategie per minimizzare il danno all’orecchio interno

Citraro L., De Stefano A., Kulamarva G., Dispenza F., Croce A.

1 ENT Istitute, Department of Surgical, Clinical and Experimental Sciences, “G. d’Annunzio” University of Chieti-Pescara
Chieti, Italy
2 ENT Clinic, Nayak’s Road, Kasaragod, India
3 Department of Surgical and Oncological Disciplines University of Palermo, Palermo, Italy


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


L’iniezione intratimpanica di gentamicina rappresenta il trattamento più semplice e meno invasivo per la Malattia di Menière, rispetto alle altre procedure ablative chimiche e chirurgiche disponibili. Il più importante effetto collaterale di questa terapia è costituito dall’ipoacusia neurosensoriale per lo più sulle frequenze acute. L’ototossicità della gentamicina inizia a livello delle cellule ciliate esterne della coclea e si estende verso l’apice. Essa può coinvolgere anche le cellule ciliate interne. La morte delle cellule ciliate può avvenire per necrosi o apoptosi. Sono stati sviluppati numerosi protocolli per ridurre questa cocleotossicità. Tra questi, i protocolli ibridi (con iniezioni a basse dosi e/o lunghi intervalli di somministrazione) hanno riportato i migliori risultati con buone percentuali di controllo della vertigine e basse percentuali di perdita uditiva. Gli esperimenti animali hanno dimostrato che numerosi farmaci, come i chelanti del ferro, gli antiossidanti e i glucocorticoidi, hanno proprietà otoprotettive; tuttavia sono necessari ulteriori studi per identificare sicure strategie otoprotettive utilizzando questi agenti. Oltre a ciò, gli studi basati su terapie genetiche potrebbero essere la nuova frontiera nel management delle complicanze uditive della terapia intratimpanica con gentamicina nella Malattia di Menière.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail