Ricerca avanzata

Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2010 Settembre;60(3) > Otorinolaringologia 2010 Settembre;60(3):155-63

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOOTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Otorinolaringologia 2010 Settembre;60(3):155-63

TERAPIE INTRATIMPANICHE PER I DISORDINI DELL’ORECCHIO INTERNO 

Trattamento intratimpanico della patologia autoimmune dell’orecchio interno

De Stefano A., Kulamarva G., Dispenza F.

1 ENT Institute, Department of Surgical, Clinical and Experimental Sciences, “G.d’Annunzio” University of Chieti and Pescara
Chieti, Italy
2 ENT Clinic, Nayak’s Road, Kasaragod, Kerala, India
3 Department of Surgical and Oncological Disciplines, University of Palermo, Palermo, Italy

La patologia autoimmune dell’orecchio interno (AIED) è una rara condizione responsabile di meno dell’1% di sordità o di vertigini. I pazienti solitamente riportano fullness auricolare come pure tinnito, che possono precedere la perdita dell’udito. Solitamente viene dapprima interessato un orecchio, che peggiora prima del controlaterale. Pertanto, è possibile che i pazienti presentino coinvolgimento auricolare monolaterale allo stadio iniziale. Un miglioramento o la risoluzione spontanea della perdita di udito non trattata in pazienti affetti da AIED sono rari. Per tale motivo, quando si sospetta una AIED, si deve impostare un pronto trattamento per interrompere il deterioramento della funzione uditiva. Il trattamento intratimpanico della AIED con metilprednisolone e recentemente con Infliximab si è dimostrato sicuro, semplice e utile nella terapia della patologia dell’orecchio interno immuno-mediata refrattaria. Per tutti i motivi sopra menzionati, il trattamento di AIED con steroidi intratimpanici è raccomandato come prima linea di trattamento per questi pazienti, mentre nel prossimo futuro sarà possible utilizzare per via transtimpanica l’anticorpo anti TNF-α.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina