Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2010 June;60(2) > Otorinolaringologia 2010 June;60(2):53-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

REVIEW  AGGIORNAMENTI IN OTORINOLARINGOLOGIA


Otorinolaringologia 2010 June;60(2):53-64

lingua: Inglese

Aggiornamento nel trattamento della rinite allergica

Shintani Smith S. 1, Smith S. B. 2, Chandra R. K. 1, Kern R. C. 1

1 Department of Otolaryngology, Northwestern University Feinberg School of Medicine, Chicago, IL, USA
2 Department of Internal Medicine, Mayo Clinic College of Medicine, Mayo Clinic, Rochester, MN, USA


PDF  


La rinite allergica (RA) è una delle condizioni mediche più frequenti in tutto il mondo. Nonostante esistano numerose modalità di trattamento, la RA frequentemente viene misconosciuta e sotto-trattata, con una conseguente significativa morbilità. Lo specialista otorinolaringoiatra possiede competenze uniche nel trattamento medico e chirurgico delle diverse forme cliniche di RA, dalla forma lieve intermittente alla malattia persistente grave. Il trattamento dovrebbe essere impostato per ridurre la frequenza e la gravità dei sintomi secondo uno schema graduale. Poiché la RA è una patologia atopica, l'allontanamento degli stimoli allergici rappresenta la terapia di prima linea, seguita dalla somministrazione di farmaci antistaminici o di decongestionanti al bisogno. I corticosteroidi intranasali rappresentano la fase successiva di trattamento per i pazienti affetti da una forma della patologia più persistente o grave. Con l'aumento della gravità dei sintomi, la terapia con anti-leukotrieni dovrebbe essere aggiunta alle terapie di prima linea sovracitate, soprattutto nei pazienti affetti da RA ed asma. L'intervento chirurgico può essere preso in considerazione in popolazioni specifiche di pazienti, soprattutto in quelli affetti da poliposi nasale o da alterazioni anatomiche che possono contribuire alla persistenza dei sintomi. Infine, l'immunoterapia può essere presa in considerazione nei pazienti con i sintomi più persistenti e gravi che sono refrattari alle strategie sovramenzionate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail