Ricerca avanzata

Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2008 Dicembre;58(4) > Otorinolaringologia 2008 Dicembre;58(4):169-90

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOOTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Otorinolaringologia 2008 Dicembre;58(4):169-90

 REVIEW

L’effetto dell’impianto cocleare sulla percezione della musica

Looi V.

Department of Communication Disorders The University of Canterbury, Christchurch, New Zealand

Soprattutto durante gli ultimi due decenni, i progressi nel settore degli impianti cocleari (cochlear implants, CIs) sono avvenuti con molta rapidità. Dal momento che attualmente molti pazienti a cui sono stati impiantati i CIs possono raggiungere un livello altamente soddisfacente per quanto riguarda la comprensione del linguaggio parlato, essi sentono il bisogno di migliorare la percezione di altri stimoli aurali, stimolando l’espansione della ricerca sugli stimoli non verbali. Questo articolo rivede alcune delle ricerche più recenti che hanno studiato la percezione musicale con i CIs e come l’impianto cocleare possa influenzare la percezione della musica negli adulti. Questo aspetto non è solo interessante per i riceventi potenziali o per chi è già portatore dell’impianto e per i loro familiari, ma dovrebbe essere importante anche per il counselling medico. In generale, l’attuale stato dell’arte suggerisce che i portatori adulti di CIs evidenziano ai test basati su frequenze musicali una percezione minore rispetto ai normoudenti, sia per quanto riguarda le tonalità che l’identificazione degli strumenti o il riconoscimento di una melodia. Vi sono anche ricerche che indicano come gli adulti portatori di CIs abbiano una minore performance relativamente ad alcuni test basati sulle tonalità rispetto agli utilizzatori di altri apparecchi acustici con perdita di udito simile. Nell’insieme questo suggerisce che l’impianto cocleare può modificare la capacità del ricevente di percepire la musica. Tuttavia, vi sono anche evidenze che suggeriscono come: 1) l’educazione musicale può aiutare alcuni portatori di CIs a migliorare la loro percezione della musica e di conseguenza del loro apprezzamento per questa e 2) l’utilizzo simultaneo di apparecchi acustici assieme ai CIs possa migliorare l’ascolto della musica nei soggetti con livelli di udito acustico residuo correggibile.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina