Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2008 December;58(4) > Otorinolaringologia 2008 December;58(4):159-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2008 December;58(4):159-64

lingua: Italiano

Efficacia del trattamento con sulodexide nei pazienti affetti da vertigine di origine vascolare

Panu F., Manca T., Cauli S., Sechi S., Proto E.

Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria Presidio Ospedaliero S. Giovanni di Dio Dipartimento di Chirurgia Generale e Scienze Odontostomatologiche Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari, Cagliari, Italia


PDF  


Obiettivo. In campo otoneurologico, le disfunzioni nella vascolarizzazione arteriosa risultano particolarmente importanti in quanto possibili cause di vertigini di origine vascolare. Ma, per porre una corretta diagnosi, il paziente sospetto dovrà sottoporsi a diversi esami ematochimici oltre che strumentali, i risultati dei quali saranno utili per la scelta di una terapia il più possibile mirata. In quest’ambito è stato dimostrato che farmaci “antitrombotici”, come sulodexide, che possiedono un’azione a livello endoteliale con effetto antitrombotico e pro-fibrinolitico, e sono risultati utili nella terapia delle vertigini a presunta causa vascolare. L’obiettivo di questo studio è stato di verificare l’efficacia clinica di una terapia causale con sulodexide in pazienti con vertigine di origine vascolare.
Metodi. Sono stati inclusi nello studio 27 pazienti ricoverati presso la nostra struttura, che presentavano ripetuti episodi di instabilità posturale e vertigine rotatoria a eziologia incerta, selezionati in base alla positività ad almeno tre fattori di rischio cardiovascolari e almeno a un esame diagnostico, trattati con sulodexide per os, 250 USL b.i.d. per due mesi e valutati dal punto di vista sintomatologico e clinico.
Risultati. Il trattamento con sulodexide riduce significativamente la sintomatologia vertiginosa sia nei pazienti classificati per grado di handicap sia per rischio cardiovascolare.
Conclusioni. L’utilizzo terapeutico di sulodexide nella vertigine vascolare può essere considerato un approccio di prima scelta per la sua efficacia, la sua rapidità d’azione, l’ottima compliance per il paziente e per gli scarsi effetti collaterali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail