Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2008 March;58(1) > Otorinolaringologia 2008 March;58(1):13-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2008 March;58(1):13-6

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Studio della reattività nasale nella sclerosi sistemica diffusa

Giuliano D. A., Abate M., Falciglia R.

Unità Operativa di Otorinolaringoiatria Azienda Ospedaliera Umberto I, Enna, Italia


PDF  


Obiettivo. La sclerosi sistemica è una malattia del tessuto connettivo contrassegnata da un abnorme accumulo di collageno nella cute e nei visceri. Nonostante i reperti obiettivi tipici di tale affezione non attestino la presenza di lesioni degne di nota a carico della mucosa delle fosse nasali, un reperto anamnestico di frequente riscontro in questi casi è rappresentato da una condizione di ostruzione respiratoria nasale bilaterale talora associata a roncopatia notturna. Al fine di verificare il sospetto relativo all’esistenza di uno stato di disreattività della mucosa nasale, in assenza di congrui danni endoteliali distrettuali nei soggetti affetti dalla forma diffusa della malattia, è stato effettuato uno studio caso/controllo.
Metodo. Lo studio ha coinvolto un gruppo di pazienti malati selezionati in base alla sintomatologia riferita ( difficoltà nella respirazione nasale) e alla totale normalità del quadro obiettivo rinologico.
Risultati. La rinomanometria basale, posizionale e provocata con acqua a 5 °C ha dimostrato, nei pazienti affetti da sclerosi sistemica diffusa, la presenza di “risposte paradosse” (70% nel decubito supino, 50% nell’omolaterale, 60% nel controlaterale) alle prove posizionali e incrementi di resistenza statisticamente significativi (P<0,05), rispetto al gruppo di controllo, sia alle prove posizionali che alla stimolazione con acqua fredda.
Conclusioni. È pertanto possibile concludere che in un cospicuo numero di casi di sclerosi sistemica diffusa in sede nasale è ravvisabile uno stato di distonia neurovegetativa compatibile con un quadro di rinopatia vasomotoria aspecifica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail