Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2007 Marzo;57(1) > Otorinolaringologia 2007 Marzo;57(1):1-7

ULTIMO FASCICOLOOTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2007 Marzo;57(1):1-7

lingua: Italiano

La Sindrome da deiscenza del canale semicircolare superiore (SCDS): l’esperienza ambulatoriale italiana otoneurologica

Manzari L.

Department of Sperimental Medicine and Pathology “La Sapienza” University, Rome, Italy


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Studio prospettico di una serie di casi in un centro specialistico otoneurologico di terzo livello. In alcuni stati patologici, il suono o la pressione trasmessi all’orecchio interno possono inappropriatamente produrre l’attivazione della risposta del sistema vestibolare. Il “fenomeno di Tullio” è stato storicamente associato con una serie di malattie dell’orecchio medio ed interno ma dal 1998 anche con la scoperta di “una terza finestra mobile” della capsula labirintica. Questa anomala comunicazione permette la trasmissione diretta delle vibrazioni direttamente nell’orecchio interno, producendo la sensazione di vertigine: tale nuova nuova entità clinica è stata definita come “la Deiscenza del tetto del Canale Semicircolare Superiore”.
Metodi. Cinquantacinque pazienti con vertigine, oscillopsia e/o di squilibrio messo in relazione all’esposizione sonora, modificazione della pressione nell’orecchio medio, e/o variazione della pressione intracranica sono stati identificati in un periodo di 3 anni.
Risultati. Tutti questi pazienti presentavano durante l’esame clinico strumentale movimenti verticali e torsionali indotti dall’esposizione sonora, dalla pressione e/o dallo stimolo vibratorio. Ventotto di questi pazienti presentavano come sintomo unico, una ipoacusia di tipo trasmissivo per i toni gravi, una funzione normale dell’orecchio medio con riflessi stapediali preservati ed assolutamente nella norma.
Conclusioni. Un esame radiologico mediante TC ad alta risoluzione dell’osso temporale con proiezioni assiali, coronali e parasagittali in tutti questi pazienti documentava una deiscenza del canale semicircolare superiore.

inizio pagina