Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2006 Giugno;56(2) > Otorinolaringologia 2006 Giugno;56(2):97-101

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2006 Giugno;56(2):97-101

lingua: Italiano

L’impiego del lembo miocutaneo di grande pettorale nella ricostruzione dei difetti cervico-facciali. Nostra esperienza

Mevio E., Sbrocca M., Gorini E., Artesi L., Mullace M., Mevio N.

U.O. ORL Ospedale G.Fornaroli, Magenta


PDF  


L’uso del lembo miocutaneo pettorale ha trovato negli ultimi due decenni largo impiego nella ricostruzione di difetti cervico-facciali post-chirurgici o post-traumatici. La tecnica di preparazione, i vantaggi e i difetti di tale metodica sono ben noti. La duttilità di tale lembo si basa sulla relativa facilità di preparazione, sull’entità del tessuto potenzialmente disponibile, la ricchezza di vascolarizzazione, le ampie possibilità di rotazione del peduncolo e la bassa frequenza delle complicanze correlate alla sua preparazione.
Gli autori presentano la loro casistica e pongono in particolare rilievo l’impiego di tale lembo peduncolato nella ricostruzione faringo-esofagea. In tali casi, rispetto all’impiego di lembi liberi, la tecnica si presenta di più facile esecuzione, meno impegnativa per il paziente e gravata da una minore possibilità di complicanze.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail