Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2005 March;55(1) > Otorinolaringologia 2005 March;55(1):35-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

REVIEWS  


Otorinolaringologia 2005 March;55(1):35-41

lingua: Inglese

Gestione del tubo di drenaggio dopo timpanostomia

Ehmer D. R., Roland P. S.

Department of Otolaryngology-Head and Neck Surgery The University of Texas Southwestern Medical Center at Dallas, Dallas, TX, USA


PDF  


L’infezione dell’orecchio medio che esita in otorrea è una complicanza comune e ben nota del posizionamento di un tubo di drenaggio dopo timpanoplastica. Nonostante la buona evidenza che l’uso topico di gocce nell’orecchio di per sè sia più sicuro e più efficace per il trattamento di questa condizione, la terapia antibiotica sistemica continua ad essere utilizzata come terapia di prima scelta per molti pazienti. Questo articolo rivede i dati a supporto dell’uso di gocce antibiotiche per via topica da sole come trattamento iniziale dell’otorrea acuta da tubo di drenaggio dopo timpanoplastica. Il trattamento topico è efficace sino al 90% dei casi dopo 7 giorni di trattamento. Sebbene l’otorrea solitamente cessi in 4 giorni, in una piccola percentuale di pazienti non si riesce ad eradicare l’infezione con la sola terapia topica. Il mancato passaggio della medicazione esita in infezione persistente, in re-infezione e probabilmente, i biofilm rappresentano le cause principali del fallimento terapeutico. Per questi pazienti si dovrebbe prendere in considerazione l’ipotesi della terapia sistemica con antibiotici scelti grazie agli esami colturali e di sensibilità. Se, in questi casi di fallimento dopo terapia topica contenente steroidi è presente tessuto di granulazione, si può prendere in considerazione la rimozione meccanica di tale tessuto. Infine, il tubo di drenaggio può essere rimosso insieme con un biofilm nocivo, se presente. Se l’infezione persiste ulteriormente nonostante questi trattamenti, significa che essa sta progredendo verso, o è già divenuta, l’otite media suppurativa cronica e può essere necessaria la timpanomasteoidectomia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail