Ricerca avanzata

Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2004 Giugno;54(2) > Otorinolaringologia 2004 Giugno;54(2):131-40

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOOTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Otorinolaringologia 2004 Giugno;54(2):131-40

 REVIEWS

La terapia antibiotica nelle patologie di pertinenza otorinolaringoiatrica

Giordano C. 1, Ponzo S. 2, Garzaro M. 1, Pecorari G. 1

1 Dipartimento di Fisiopatologia Clinica S.C. ORL I, Università degli Studi di Torino, Torino
2 Divisione di ORL Ospedale, SS. Annunziata, Savigliano (Cuneo)

Nonostante il trattamento farmacologico attuale abbia migliorato il decorso e la guarigione di molte patologie di pertinenza otorinolaringoiatrica, in questi ultimi tempi si è assistito a un incremento di nuovi aspetti e di prospettive terapeutiche.
Il golden standard attuale della terapia antibiotica è rappresentato dalla eradicazione della patologia, da una rapida risoluzione della sintomatologia e della infettività, associate ad una minimalizzazione e prevenzione degli effetti collaterali e delle complicanze.
In Italia, la distribuzione delle patologie ORL veda al primo posto le infezioni dell’orecchio medio (55%) seguite da quelle faringotonsillari (30%) e da quelle sinusali (15%).
Questo lavoro fornisce indicazioni relative all’antibioticoterapia nelle patologie flogistiche dell’orecchio, del distretto naso-sinusale e nelle faringotonsilliti acute e croniche, alla luce delle più recenti linee guida internazionali.
Nella pratica clinica, una terapia antibiotica di prima istanza raramente è fondata sulla identificazione del germe responsabile e sul relativo antibiogramma. La terapia, almeno inizialmente, è impostata su base empirica, per cui risulta indispensabile l’utilizzo di antibiotici ad ampio spettro: questa scelta impone criteri di impiego ragionato al fine di non andare incontro ad impatti negativi in senso clinico, per la non risoluzione del problema e per gli effetti collaterali, ed in senso economico, per i costi causati dal cattivo uso dei farmaci.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina