Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2002 December;52(4) > Otorinolaringologia 2002 December;52(4):143-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

REVIEWS  


Otorinolaringologia 2002 December;52(4):143-6

lingua: Italiano

La radiochirurgia in otorinolaringoiatria

Restivo S., Speciale R., Gargano R., Di Leo R., Gallina S.

Clinica Otorinolaringoiatrica «Base» Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Palermo, Palermo


PDF  


La radiochirurgia è una metodica completamente diversa dalla tradizionale chirurgia che utilizzava l’elettro-bisturi, poiché il passaggio di corrente non avviene attraverso il corpo del paziente.
Il principio fisico su cui si basa la radiochirurgia è quello di utilizzare radioonde ad alta frequenza a 4 MHz (l’optimum è 3,8 MHz).
Il sistema per la Radiochirurgia comprende un apparecchio che produce corrente ad alto voltaggio ed alta frequenza (1,5-4 MHz), un elettrodo attivo, un elettrodo passivo che funge da antenna ed un pedale di comando. L’apparecchio oltre a generare le radioonde è in grado di modificarle tramite processi di rettificazione e filtrazione.
Gli Autori, dopo avere elencato i parametri da seguire per ottenere il migliore dei risultati nell’applicazione delle radiofrequenze, riportano la loro personale esperienza in campo O.R.L e ne sottolineano i vantaggi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail