Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2002 Marzo;52(1) > Otorinolaringologia 2002 Marzo;52(1):37-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

CASI CLINICI  


Otorinolaringologia 2002 Marzo;52(1):37-9

lingua: Italiano

Acufene obiettivo associato a mioclono del velo palatino: sindrome pediatrica rara. A proposito di un caso

Porcu A., Taborelli G.

Istituto G. Gaslini -Genova Divisione di Otorinolaringoiatria


PDF  


L’associazione tra acufeni obiettivi e mioclonie del velo del palato costituisce una sindrome rara in età pediatrica la cui etiologia non è mai stata dimostrata. Gli Autori riportano le osservazioni effettuatesuna una paziente di 10 anni, affetta da acufene obiettivo e mioclonie palatali da 3 anni. Gli esami effettuati comprendenti EEg, TAC e RMN encefalo, Blink Reflex, eco Doppler Tsa, visita neurologica, esame audiometrico ed impedenzometrico, studio dei potenziali evocati uditivi, ECG, visita pediatrica, esami ematobiochimici, hanno dato esito negativo. La patogenesi sembra rappresentata da una contrattura clonica associata del muscolo del martello (innervato dal ramo motorio del trigemino) e del muscolo peristafilino esterno che provocherebbe dei click subentranti dovuti alla apertura e alla chiusura della tuba e il movimento ritmico del velo del palato. Per quanto riguarda l’approccio diagnostico e terapeutico, la tendenza della sintomatologia a regredire spontaneamente e gli insufficienti risultati ottenuti con le terapie fino ad ora usate, sconsigliano l’impiego di farmaci e/o di procedure invasive nel trattamento di questa sindrome.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail