Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2002 March;52(1) > Otorinolaringologia 2002 March;52(1):31-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

CASI CLINICI  


Otorinolaringologia 2002 March;52(1):31-5

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Mediastinite acuta necrotizzante. Caso clinico

Frenguelli A., Rizzo S., Longari F., Bizzotti C., Bernardini M., Bracchi E.

Università degli Studi - Perugia Azienda Ospedaliera «S. Maria» - Terni Clinica Otorinolaringologica e Chirurgia Cervico-Facciale «R»


PDF  


La mediastinite acuta necrotizzante è una grave infezione polimicrobica del tessuto lasso che può in alcuni casi originare da un’infezione dei distretti cervico-facciali. Fortunatamente sono rare le segnalazioni di tale evoluzione del processo flogistico la cui eventualità va tuttavia sempre presa nella giusta considerazione.
Abbiamo descritto un caso di mediastinite acuta necrotizzante in una giovane donna, giunta alla nostra osservazione per la comparsa di una tumefazione del pavimento bocca, febbre, trisma e faringodinia insorti da circa 10 giorni, in seguito ad un ascesso dentale non regredito dopo antibioticoterapia.
A distanza di 12 ore la sintomatologia si aggravava con la comparsa di dispnea, tachicardia e dolore interscapolare veniva quindi diagnosticata precocemente una mediastinite acuta e la paziente veniva trasferita presso il reparto di chirurgia toracica per il trattamento chirurgico.
Vengono esaminate le caratteristiche cliniche e fisiopatologiche di questa grave affezione, facendo rilevare l’importanza di una preceoce diagnosi e di un tempestivo trattamento. L’evoluzione della sintomatologia clinica unitamente alle indagini strumentali quali Rx torace e la tomografia assiale computerizzata hanno permesso una immediata diagnosi.
La terapia chirurgica d’urgenza e una adeguata terapia antibiotica rappresentano il trattamento di elezione. Il tasso di mortalità, in era preantibiotica particolarmente elevato, si attesta intorno al 15%.
L’intervento terapeutico deve essere immediato ed è basato su di una terapia antibiotica mirata atta a contrastare aerobi ed anaerobi e su di un adeguato approccio chirurgico.
Inadeguati provvedimenti o ritardi nella terapia, possono risultare fatali per il paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail