Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2001 June;51(2) > Otorinolaringologia 2001 June;51(2):83-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 2001 June;51(2):83-8

lingua: Italiano

Impiego dell’associazione acetazolamide/pentossifillina nel trattamento dell’ipoacusia improvvisa idiopatica in pazienti affetti da glaucoma cronico

Giuliano D. A., Restivo S., Giuliano S. *, Cupido G., Gallina S.

Università degli Studi - Palermo Clinica Otorinolaringoiatrica Base
*Servizio di Oftalmologia ASS n. 2 di Caltanissetta


PDF  


Obiettivo. Tuttora esistono dati discordanti riguardo l’esistenza di un’intima correlazione fisiopatologica tra ipo-acusia improvvisa idiopatica e glaucoma cronico. È certo, comunque, che tale associazione si presenta con relativa frequenza nella pratica clinica. Scopo: valutare l’efficacia di un protocollo terapeutico, basato sull’associazione acetazolamide/pentossifillina, mirato a preservare l’organo della vista da insulti farmacologici in grado di aggravare il quadro morboso di partenza e capace di arrecare beneficio funzionale ad entrambi gli organi di senso, conseguendo nel contempo il recupero uditivo ed il ripristino della normotonia endo-bulbare.
Metodi. Sono stati trattati 11 pazienti, sette uomini e quattro donne (età media ± DS: 40,4±7,3; range 28-51 anni), affetti da glaucoma cronico associato ad ipoacusia improvvisa idiopatica. Entro 24 ore dal ricovero, a ciascuno dei suddetti pazienti, sono stati somministrati due farmaci: l’Acetazolamide (250 mg × 4/die per os per i primi 5 giorni e poi 250 mg × 3/die per altri 5 giorni) e Pentossifillina (400 mg × 3/die per os per 10 giorni). L’esame audiometrico tonale liminare e la tonometria ad applanazione secondo Goldmann sono stati eseguiti al momento del ricovero ed alla fine del trattamento. Durante la degenza sono state effettuate anche ulteriori indagini audio-vestibolari, ematochimiche e di imaging atte a confermare la natura idiopatica della sintomatologia uditiva.
Risultati. Il guadagno uditivo è stato completo in 5 pazienti, buono in altri 5 di essi e modesto in un solo caso; mentre il grado di involuzione dell’ipertono oculare è risultato completo in 8 pazienti e buono nei 3 rimanenti. Tra i valori di guadagno uditivo e quelli di regressione dell’ipertono oculare è stata verificata l’esistenza di una correlazione statisticamente significativa (r di Pearson = 0,93).
Conclusioni. L’associazione farmacologica Acetazolamide/Pentossifillina rappresenta uno dei protocolli terapeutici più efficaci nel trattamento dell’ipoacusia improvvisa idiopatica in pazienti con glaucoma cronico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail