Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 1999 Marzo;49(1) > Otorinolaringologia 1999 Marzo;49(1):21-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 1999 Marzo;49(1):21-3

lingua: Italiano

Caratteristiche dell’elasticità della membrana timpanica nei sommozzatori e non

Kreso A., Grdinic B.*, Donkic Pavicic I.*, Vojnic J.*

Ambulatorio di Otorinolaringoiatria, Pola (Croatia)
* Reparto di Otorinolaringoiatria, Ospedale Regionale Pola (Croatia)


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo del lavoro era di dimostrare se i barotraumi ripetuti dell’orecchio medio, che si verificano durante le immersioni subacquee e la ripetuta manovra di Valsava, per eguagliare la pressione fra l’orecchio medio e l’ambiente circostante nei sommozzatori, influivano sulla motilità del sistema di vibrazione dell’orecchio medio e di conseguenza sull’elasticità della membrana timpanica in rapporto ad un gruppo di non sommozzatori.
Metodi. La ricerca è stata compiuta su 19 sommozzatori esperti, praticanti immersioni da più di 10 anni. Il gruppo di controllo era formato da 31 soggetti, non praticanti immersioni subacquee. Il metodo di base della ricerca consisteva nella misurazione timpanometrica delle variazioni volumetriche conseguenti dallo spostamento della membrana timpanica rispetto alla posizione neutrale. Le misurazioni sono state eseguite con l’apparato Interscustics-AT 22 che misura l’equivalente volumetrico assoluto dello spostamento della membrana timpanica (compliance) in millilitri. Giacché il volume è proporzionale all’elasticità della membrana del timpano misurando lo spostamento del volume è possibile concludere sulla sua elasticità.
Risultati. Nel gruppo di sommozzatori, il valore medio di compliance era 1,73 cm3, nei non sommozzatori era di 0,74 cm3. Statisticamente la differenza era rilevante: F= 7,61102; P (F<=f)=4,6; T=5,262; P (T<=t)=2,263.
Conclusioni. I risultati dimostrano la differenza di motilità del sistema di oscillazione dell’orecchio medio (e della membrana del timpano) nei sommozzatori e nel gruppo di controllo. La maggiore motilità della membrana del timpano è causata da frequenti cambiamenti di pressione sulla membrana, dalla parte esterna durante l’immersione come dalla parte interna durante la manovra di Valsava, che sposta la membrana verso l’orecchio medio, oppure verso l’orecchio esterno e causando così una maggiore elasticità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail