Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 1999 March;49(1) > Otorinolaringologia 1999 March;49(1):11-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

OTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Otorinolaringologia 1999 March;49(1):11-5

lingua: Italiano

Miringoplastica underlay per via transmeatale. Indicazioni e risultati

Albera R., Riontino E., Milano F., Lacilla M., Gervasio C. F., Cavalot A. L., Giordano L., Bussi M., Ferrero V.

Università degli Studi - Torino Dipartimento di Fisiopatologia Clinica II Cattedra di ORL


PDF  


Obiettivo. La miringoplastica è una tecnica ormai consolidata di ricostruzione della membrana timpanica che viene condotta mediante posizionamento della fascia al di sopra, overlay, o al di sotto, underlay, dei residui timpanici.
Scopo dello studio è valutare le indicazioni e i risultati della tecnica di miringoplastica transmeatale underlay condotta mediante l’utilizzo di fascia di muscolo temporale autologa o omologa disidratata.
Metodi. Il gruppo di studio era composto da 88 pazienti affetti da perforazione timpanica, soprattutto posteriore, completamente visibile attraverso l’approccio transmeatale. I pazienti sono stati sottoposti a miringoplastica underlay in 23 casi con fascia temporale autologa ed in 65 casi con fascia temporale omologa disidratata. In 16 casi l’intervento è stato condotto in anestesia generale, mentre per tutti gli altri si è proceduto all’intervento in anestesia locale.
Risultati. Nell’81% dei casi abbiamo ottenuto la chiusura della perforazione timpanica con un tempo di guarigione variabile tra i 10 ed i 35 giorni. Dei diversi parametri presi in considerazione soltanto l’età ha mostrato una correlazione con il risultato finale in quanto i soggetti più giovani hanno conseguito i risultati migliori. Dopo la chirurgia il valore medio del gap tra via aerea e ossea a 0,5-1-2-3 KHz è passato da 16 ad 8 dB e nel 76% dei pazienti il gap postoperatorio tra via aerea ed ossea è risultato essere inferiore a 10 dB.
Conclusioni. La miringoplastica underlay per via trans-meatale può quindi essere considerata una tecnica che consente di ottenere la chiusura della membrana timpanica in una percentuale di casi solo lievemente inferiore rispetto a procedure più aggressive. Il basso rischio e le caratteristiche dell'approccio, molto ben accettate dai pazienti, fanno considerare tale intervento di prima scelta nel trattamento di perforazioni timpaniche completamente visibili all’ispezione otomicroscopica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail