Ricerca avanzata

Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 1998 Giugno;48(2) > Otorinolaringologia 1998 Giugno;48(2):81-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOOTORINOLARINGOLOGIA

Rivista di Otorinolaringologia, Chirurgia Maxillo-Facciale,
Chirurgia Plastica Ricostruttiva, Otoneurochirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4938

Online ISSN 1827-188X

 

Otorinolaringologia 1998 Giugno;48(2):81-60

 ARTICOLI ORIGINALI

Tumore dell’orofaringe in provincia di Bergamo. Studio descrittivo

Galli M. G., Delcarro P.

Università degli Studi - Milano Istituto di Igiene

Introduzione. Gli Autori analizzano l’andamento della mortalità per tumore dell’orofaringe dal 1988 al 1994 in provincia di Bergamo, zona ad alta prevalenza per numerosi tumori. I dati di mortalità provengono dai Servizi di Igiene delle singole Aziende USSL presenti sul territorio bergamasco.
Metodi. Per l’elaborazione dei dati sono stati utilizzati metodi statistici atti a permettere una valutazione descrittiva del fenomeno osservato (numero assoluto, tassi grezzi, tassi annui specifici per età e sesso ecc.). Per la standardizzazione indiretta sono stati utilizzati come standard di riferimento i tassi specifici per età e sesso in Italia, riferiti al periodo 1988-1993. Sono stati inoltre confrontati i tassi di mortalità delle singole USSL, al fine di valutare eventuali differenze territoriali.
Risultati. Da tale studio emergono i seguenti punti: il numero di morti per tumore dell’orofaringe nel territorio bergamasco risulta superiore a quello atteso a livello nazionale; tale patologia colpisce prevalentemente il sesso maschile e si manifesta più frequentemente con l’avanzare degli anni; l’area ovest (per i maschi) e l’area nord (per le femmine) del territorio bergamasco risultano essere quelle a più elevata frequenza di tumori dell’orofaringe; l’andamento della mortalità, negli anni considerati, appare in discesa nei maschi e stazionario nelle femmine.
Conclusioni. In conclusione questo studio descrittivo non suggerisce ipotesi eziopatogenetiche: solo con successivi studi sarà possibile individuare il ruolo giocato da fattori di rischio individuali e/o ambientali.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina