Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2013 December;65(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2013 December;65(4):235-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI IN UROLOGIA - PARTE I


Minerva Urologica e Nefrologica 2013 December;65(4):235-48

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gestione del carcinoma della vescica muscolo-invasivo

Mueller J., Schrader A. J., Schrader M., Schnoeller T., Jentzmik F.

Department of Urology University Hospital Ulm, Ulm, Germany


PDF  


L‘incidenza del carcinoma della vescica muscolo-invasivo (muscle-invasive bladder cancer, MIBC) è in aumento. Diverse alternative di trattamento multimodale sono state introdotte con l‘inizio di una nuova era nei primi anni ’80, quando ha fatto la sua comparsa la neovescica quale opzione comune per la diversione urinaria. Oltre alla cistectomia radicale a cielo aperto e alla diversione urinaria, di recente la chirurgia mininvasiva è stata implementata in centri di esperienza e ha condotto a risultati promettenti nel follow-up a breve termine, in attesa della conferma in coorti più ampie. La dissezione dei linfonodi pelvici può curare i pazienti con un carico metastatico limitato. L‘espansione della dissezione linfonodale pelvica e la sua influenza sulla sopravvivenza sono state discusse intensamente, con una tendenza verso l‘ampliamento moderato del campo standard. L‘esito della malattia con linfonodi positivi rimane infausto, mentre il 90% dei pazienti con più metastasi linfonodali soffre di un progresso sistemico 5 anni dopo la diagnosi. Nell‘ultimo decennio sono stati pubblicati studi con regimi di trattamento basati sulla chemioterapia adiuvante o neoadiuvante, i quali hanno ottenuto diversi risultati sull‘efficienza. Decidere se trattare con la sola chirurgia od offrire una terapia citostatica sistemica in fase perioperatoria è una delle domande che attendono risposta. Inoltre, le tecniche di preservazione della vescica sono ancora facoltative per i pazienti con piccole lesioni monofocali o per la coorte clinicamente inadatta. La presente review riassume gli attuali dati e mira a fornire una guida sulle numerose raccomandazioni disponibili per la terapia e gestione del MIBC.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

florian.jentzmik@uniklinik-ulm.de