Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2013 June;65(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2013 June;65(2):101-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI SULLA CALCOLOSI


Minerva Urologica e Nefrologica 2013 June;65(2):101-7

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nefropatia in stadio terminale associata a nefrolitiasi

Pipili C., Kiriakoutzik I., Petychaki F., Koutsovasili A.

“Laiki Merimna” Department of Nephrology Athens, Greece


PDF  


Esiste un’associazione graduata tra episodi di calcolosi renale e nefropatia cronica; sebbene la prevalenza della nefrolitiasi che conduce alla nefropatia in stadio terminale (end stage renal disease, ESRD) sia bassa, essa resta tuttora inevitabile. Le cause secondarie dell’ESRD correlata alla nefrolitiasi continuano a essere i calcoli metabolici e da infezione. Poche direttrici di ricerca hanno evidenziato il maggior rischio di ESRD dei soggetti predisposti alla formazione di calcoli rispetto alla popolazione generale, essendo influenzati da ipertensione, diabete, dislipidemia, gotta e infezioni ricorrenti delle vie urinarie. Inoltre, il rischio di ESRD sembra essere più elevato tra donne di età superiore a 50 anni che hanno sperimentato più di un episodio di coliche renali. Tuttavia, la valutazione di tali studi è limitata dal fatto che la maggior parte di essi sono retrospettivi, e dal fatto che derivano perlopiù da esperienze monocentriche. Si spera che ulteriori lavori sul monitoraggio attivo e costante dei pazienti forniranno informazioni sull’associazione tra calcoli renali ed ESRD, chiarendo anche i dilemmi diagnostici riportati da ogni parte del mondo. Il presente articolo esamina i dati attuali sull’ESRD associata a nefrolitiasi, un argomento interessante la cui consapevolezza dovrebbe essere migliorata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

chrysapi2001@gmail.com