Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2013 Marzo;65(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2013 Marzo;65(1):37-50

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  TRATTAMENTO DELLE MALATTIE RENALI


Minerva Urologica e Nefrologica 2013 Marzo;65(1):37-50

lingua: Inglese

Ipertensione e malattia renale cronica: controversie di patogenesi e trattamento

Pirkle J. L., Freedman B. I.

Section on Nephrology, Department of Internal Medicine, Wake Forest School of Medicine, Winston-Salem, NC, USA


PDF  ESTRATTI


La relazione tra ipertensione e insufficienza renale cronica (CKD) è stata a lungo oggetto di polemiche. I meccanismi patogenetici della nefropatia nei soggetti non diabetici affetti da ipertensione, così come gli obiettivi ottimali di trattamento dell’ipertensione nelle popolazioni affette da nefropatia rimangono importanti problemi clinici. Questo manoscritto esamina le scoperte nel campo della genetica molecolare, che hanno chiarito la complessa relazione tra ipertensione e malattie renali, per sapere quale sia il fattore che si manifesta prima. Si presenta una panoramica dei ruoli potenziali svolti dall’iperuricemia nella patogenesi di ipertensione e insufficienza renale cronica e le attuali linee guida per il trattamento della pressione sanguigna nelle popolazioni affette da insufficienza renale cronica. Il trial SPRINT (Systolic Blood Pressure Intervention Trial), sponsorizzato dai National Institutes of Health, attualmente in corso, mira a rispondere a queste domande importanti. L’arruolamento di 9250 partecipanti ipertesi nello SPRINT sarà completato nel 2013; si prevedono importanti risultati in merito agli obiettivi di controllo della pressione arteriosa ideale, per ridurre la progressione della nefropatia, gli end-point delle malattie cardiovascolari e per preservare le funzioni cognitive. Pertanto, molti degli aspetti controversi della gestione dell’ipertensione probabilmente saranno chiariti nel prossimo futuro.

inizio pagina