Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Dicembre;64(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Dicembre;64(4):273-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Dicembre;64(4):273-8

lingua: Inglese

Miglioramento diagnostico della prostatite cronica infiammatoria

Kulchavenya E. 1, 2, Azizoff A. 3, Brizhatyuk E. 1, Khomyakov V. 1, Kholtobin D. 1, Breusoff A. 4, Naber K. G. 5

1 Novosibirsk Research TB Institute, Novosibirsk, Russia;
2 Novosibirsk Medical University, Novosibirsk, Russia;
3 Family Consultation, Mahachkala, Russia;
4 Private Medical Clinic “Biover”, Novosibirsk, Russia;
5 Technical University of Munich, Munich, Germany


PDF  


Obiettivo. La prostatite è una patologia diffusa, che comprende una vasta gamma di sintomi clinici, con un forte impatto sulla vita degli uomini. La diagnosi e il trattamento di questo disturbo presentano numerose difficoltà per gli urologi, in particolare, la mancanza di metodi diagnostici specifici ed efficaci.
Metodi. Per migliorare la diagnostica è stato effettuato il confronto del classico test di Meares-Stamey a 4 bicchieri, a 2 bicchieri e a 3 bicchieri, su 177 uomini con sospetto di prostatite cronica.
Risultati. Il test a quattro bicchieri è spiacevole sia per i pazienti, sia per i medici e comporta la contaminazione delle urine con secrezione prostatica. Anche il test a 2 bicchieri non è sufficientemente efficace. Il test a tre bicchieri (tre campioni di urina ottenuti da un flusso continuo della minzione) dà risultati più adeguati e può essere utilizzato per lo screening.
Conclusione. Il test a tre bicchieri quale prova di screening, con la possibilità di un ulteriore indagine EPS nei pazienti la cui diagnosi finale di prostatite cronica deve essere confermata, è più comodo per i pazienti e per i medici, rispetto al test standard M & S a 4 bicchieri e si evitano risultati «falsi positivi» (contaminati con EPS) della minzione urinaria, migliorando in tal modo la discriminazione fra uretrite, cistite e prostatite. Pertanto, si consiglia il test KE a 3 bicchieri come nuovo standard per lo screening di pazienti con segni e sintomi di prostatite cronica infiammatoria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

kurt@nabers.de