Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 September;64(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 September;64(3):163-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

  DIALISI: AGGIORNAMENTI


Minerva Urologica e Nefrologica 2012 September;64(3):163-72

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Dialisi peritoneale in pazienti con insufficienza cardiaca

Van Der Sande F. M. 1, Cnossen T. T. 2, Cornelis T. 1, Konings C. J. M. 3, Kooman J. P. 1, Leunissen K. M. L. 1

1 Department of Internal Medicine, Division of Nephrology, Maastricht University Medical Center, Maastricht, the Netherlands; 2 Department of Internal Medicine, Amphia Hospital, Breda, Germany; 3 Department of Internal Medicine, Catharina Hospital, Eindhoven, the Netherlands


PDF  


Sia nei pazienti in dialisi che in quelli non-uremici, l’insufficienza cardiaca è associata a una prognosi sfavorevole. In uno stato di repentino peggioramento della funzionalità cardiaca, si possono manifestare lo shock cardiogeno acuto, l’insufficienza cardiaca congestizia scompensata o l’insufficienza renale acuta; in uno stato di peggioramento più cronico della funzionalità cardiaca, invece, può manifestarsi l’insufficienza renale cronica. Recentemente, il termine “sindrome cardio-renale” è stato adottato e definito come “un disturbo fisiopatologico del cuore e dei reni, laddove l’insufficienza acuta o cronica in un organo può indurre l’insufficienza acuta o cronica nell’altro organo.” Nonostante il perfezionamento delle tecniche di trattamento e il continuo sviluppo di nuovi farmaci, il sovraccarico di volume nei pazienti con sindrome cardio-renale è difficile da trattare. In particolare, il trattamento della sindrome cardio-renale di tipo I e II è notoriamente difficile. Grazie alla rimozione graduale dei fluidi, la dialisi peritoneale può rappresentare un’opzione terapeutica in tali pazienti. Tuttavia i dati sull’effetto della dialisi peritoneale in pazienti con insufficienza cardiaca associata a sovraccarico di fluidi e/o insufficienza renale sono scarsi. Nella presente rassegna viene discusso il ruolo della dialisi peritoneale nel trattamento della sindrome cardio-renale di tipo I, II e IV.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

f.vander.sande@mumc.nl