Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Giugno;64(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Giugno;64(2):97-122

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  SVILUPPI DELL’UROLOGIA


Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Giugno;64(2):97-122

lingua: Inglese

Chirurgia robotica ed evoluzione della prostatectomia radicale

Anderson K. M., Ruckle H. C., Baldwin D. D.

Department of Urology, Loma Linda University Medical Center, Loma Linda, CA, USA


PDF  


Il trattamento chirurgico del cancro prostatico si è evoluto in maniera considerevole sin da quando è stato descritto per la prima volta nel 1905. Con l’introduzione di un dispositivo robotico di ausilio alla chirurgia, le tecniche mini-invasive per la rimozione della prostata si sono diffuse in tutto il mondo. Attualmente, vi è un’abbondante letteratura che suggerisce come la prostatectomia laparoscopica robotica sia associata a determinati esiti perioperatori e postoperatori migliorati e a tassi di controllo del cancro simili a quelli della prostatectomia radicale a cielo aperto. Obiettivo della presente review è quello di valutare e descrivere in maniera obiettiva l’attuale stato dell’arte nella tecnica chirurgica, negli esiti perioperatori e a lungo termine, nelle complicanze e nel futuro della prostatectomia radicale laparoscopica robotica

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dduanebaldwin@mac.com