Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Marzo;64(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Marzo;64(1):7-17

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  LE BASI DELL’UROLOGIA


Minerva Urologica e Nefrologica 2012 Marzo;64(1):7-17

lingua: Inglese

Segnalazione molecolare e ruolo delle terapie a bersaglio molecolare nelle neoplasie della vescica

Black P. C.

Department of Urologic Sciences, University of British Columbia, Vancouver, BC, USA


PDF  ESTRATTI


Grazie alla crescente comprensione dei meccanismi molecolari che provocano la trasformazione dell’urotelio e la crescita, l’invasione e la metastasi delle neoplasie della vescica, siamo in grado di identificare uno spettro sempre più ampio di molecole e vie appropriate per nuove terapie a bersaglio molecolare. Allo stesso tempo, abbiamo a disposizione un numero sempre maggiore di sostanze concepite per alterare tali vie di segnalazione e, quando queste entrano nell’arena clinica in altri carcinomi, le barriere da utilizzare in pazienti con carcinoma della vescica diminuiscono. La terapia a bersaglio molecolare per le neoplasie della vescica, tuttavia, è ancora agli inizi e non sono stati compiute scoperte significative. Di seguito, passiamo in rassegna alcuni dei bersagli molecolari che sono stati meglio caratterizzati nel carcinoma della vescica, oltre ad alcuni dei bersagli più nuovi che sembrano maggiormente promettenti. Esamineremo l’esperienza fino a questo punto, valutando gli agenti a bersaglio molecolare rispetto a tali vie, e descriveremo alcuni nuovi agenti che devono ancora essere valutati in studi clinici ma che hanno mostrato un potenziale significativo nei modelli preclinici.

inizio pagina