Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2011 Giugno;63(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2011 Giugno;63(2):115-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  CONTROVERSIE IN UROLOGIA


Minerva Urologica e Nefrologica 2011 Giugno;63(2):115-22

lingua: Inglese

Robotic-assisted laparoendoscopic single-site surgery (R-LESS) in urologia: un’analisi basata sull’evidenza

Barret E., Sanchez-Salas R., Ercolani M. C, Forgues A., Rozet F., Galiano M., Cathelineau X.

Department of Urology, Institut Montsouris, Université Paris Descartes, Paris, France


PDF  


L’obiettivo di questo articolo è di effettuare un’analisi basata sull’evidenza dello stato attuale e delle prospettive future della chirurgia laparoendoscopica robotica con singola incisione (robotic laparoendoscopic single-site surgery, R-LESS). È stata condotta una ricerca su PubMed di tutti gli articoli rilevanti dal punto di vista scientifico pubblicati nella letteratura urologica relativamente alla chirurgia endoscopica trasluminale attraverso gli orifizi naturali (natural orifice transluminal endoscopic surgery, NOTES) e alla chirurgia laparoendoscopica con singola incisione (laparoendoscopic single-site surgery, LESS). Gli autori hanno preso in considerazione tutti gli articoli clinici e investigativi sulla LESS e NOTES pubblicati nella Letteratura urologica. Un numero significativo di procedure urologiche è stato effettuato utilizzando R-LESS. L’esperienza disponibile è limitata a centri di riferimento, in cui il numero di casi sia sufficiente a superare le difficoltà e la curva d’apprendimento della chirurgia LESS. L’interfaccia robotica continua ad evolvere nello sforzo di migliorare la tecnica chirurgica. Attualmente, assistiamo all’alba della chirurgia R-LESS, tuttavia questo approccio potrebbe diventare lo standard di cura nel prossimo futuro. Ulteriore sviluppo tecnologico è necessario per permettere un’ampia diffusione della tecnica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

eric.barret@imm.fr