Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2011 March;63(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2011 March;63(1):45-57

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2011 March;63(1):45-57

lingua: Inglese

Immunosoppressione dopo trapianto di rene

Kihm L. P., Zeier M., Morath C.

Department of Nephrology, University Hospital, Heidelberg, Germany


PDF  


Attualmente il trapianto di rene è caratterizzato da eccellenti risultati a breve termine, con riduzione degli episodi di rigetto acuto. Al contrario, il miglioramento della sopravvivenza a lungo termine dell’organo trapiantato è stato molto più modesto negli ultimi anni. L’obiettivo delle attuali terapie immunosoppressive è di trovare un equilibrio tra la riduzione degli episodi di rigetto acuto e gli effetti collaterali organo-specifici e sistemici. Con lo sviluppo di un vasto numero di nuovi agenti immunosoppressivi con differenti meccanismi d’azione, è diventato possibile ridurre al minimo, se non eliminare, i corticosteroidi e gli inibitori della calcineurina.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lars.kihm@med.uni-heidelberg.de