Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 December;62(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 December;62(4):431-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 December;62(4):431-5

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Attuali approcci della disfunzione erettile e del deficit di testosterone

Wespes E.

Department of Urology, CHU Charleroi, Hôpital Erasme, Brussels, Belgium


PDF  


Gli androgeni sono essenziali per lo sviluppo del pene ed è noto che il testosterone gioca un ruolo critico nella fisiologia della funzione erettile. Da studi sperimentali condotti su animali, l’insufficienza di testosterone interrompe diverse vie del segnale cellulare e induce alterazioni patologiche nei tessuti penieni determinando una disfunzione erettile. Nell’uomo, la soglia di testosterone necessaria per il mantenimento dell’erezione è bassa, e ciò spiega la ragione per cui l’erezione possa avvenire in certi casi grazie agli androgeni prodotti dal surrene. Il solo testosterone può migliorare la funzione erettile nei pazienti ipogonadici. In associazione con PDE5-I, la supplementazione di testosterone rappresenta una possibilità di trattamento dei pazienti ipogonadici che non rispondono alla terapia. In questo articolo, viene proposta una revisione dei diversi aspetti del ruolo del testosterone nella fisiopatologia dell’erezione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dr.wespes@skynet.be