Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 December;62(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 December;62(4):371-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 December;62(4):371-6

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Uretroplastica anteriore e suoi effetti sulla vita sessuale: alla ricerca della tecnica migliore

Palminteri E. 1, Franco G. 2, Berdondini E. 1, Fusco F. 3, De Cillis A. 2, Gentile V. 2

1 Centre for Reconstructive Urethral and Genitalia Surgery, Arezzo, Italy;
2 U. Bracci Department of Urological Sciences, La Sapienza University, Rome, Italy;
3 Department of Urology, University Federico II Naples, Italy


PDF  


Le credenze condivise riguardo ai risultati conseguenti alla ricostruzione uretrale anteriore sono cambiate, sia per quanto riguarda la cosmesi dei genitali sia riguardo all’impatto sull’attività sessuale. Oggi lo scopo dell’uretroplastica non è solo quello di ripristinare la funzione urinaria, ma anche quello di salvaguardare l’attività sessuale garantendo la cosmesi dei genitali. Una valutazione approfondita dei risultati dell’uretroplastica anteriore dovrebbe includere il punto di vista sessuale, che gioca un ruolo importante nella soddisfazione complessiva postintervento del paziente. I problemi sessuali più comunemente riportati dai pazienti dopo un’uretroplastica anteriore includono: disfunzioni erettili e dell’eiaculazione, curvatura peniena o accorciamento dell’asta, insoddisfazione circa l’aspetto esteriore e compromissione sensoriale del glande. La prevalenza di specifici problemi sessuali postoperatori può essere correlata al sito della ricostruzione (peniena o bulbare) e alla tecnica d’uretroplastica impiegata. L’ampio utilizzo di innesti di mucosa buccale nella ricostruzione urertrale peniena sembra eccellere sull’utilizzo di lembi cutanei, che facilmente distorcono la cosmesi e l’elasticità del pene. Le tecniche di ampliamento con innesti nella ricostruzione dell’uretra bulbare sembra incidere meno sulla vita sessuale rispetto alle tecniche di escissione e anastomosi. Perciò, la politica che primariamente indicava una procedura di escissione e anastomosi, quando possibile, dovrebbe essere posta sotto scrutinio. Gli eventuali risultati sessuali dovrebbero essere presi in considerazione durante la scelta della tecnica per una ricostruzione ottimale dell’uretra, nonché nella consulenza preoperatoria del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

enzo.palminteri@inwind.it