Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Settembre;62(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Settembre;62(3):305-18

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  RICERCHE IN UROLOGIA


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Settembre;62(3):305-18

lingua: Inglese

Chirurgia surrenalica laparoscopica e robot-assistita

Bruhn A. M., Hyams E. S., Stifelman M. D.

Department of Urology, New York University School of Medicine,New York, NY, USA


PDF  ESTRATTI


L’obiettivo di questo articolo era di fornire una revisione dello stato attuale della chirurgia laparoscopica e robotica nel trattamento delle patologie benigne e maligne della ghiandola surrenalica. Le lesioni surrenaliche possono essere adenomi, feocromocitomi, mielolipomi, ganglioneuromi, cisti surrenaliche, ematomi, carcinomi della corticale del surrene, metastasi da altre neoplasie maligne, o altre patologie più rare. La surrenalectomia laparoscopica (SL) è diventata il gold standard nel trattamento delle neoplasie benigne del surrene e viene sempre più frequentemente utilizzata nel trattamento delle patologie maligne. L’assistenza robotica offre vantaggi unici in termini di visualizzazione e dissezione della ghiandola surrenalica, considerando la tipologia di vascolarizzazione. Serie cliniche di surrenalectomia robotica (SR) e SL dimostrano che entrambe le tecniche sono sicure ed efficaci rispetto alla tecnica tradizionale a cielo aperto. Vi è sempre una maggior evidenza relativamente all’impiego di approcci mini-invasivi nella chirurgia “adrenal sparing”. I risultati positivi di queste procedure dipendono da una profonda conoscenza dell’anatomia della ghiandola surrenalica e da un’attenta selezione del paziente. Sia la SR, sia la SL offrono vantaggi per i pazienti e sono sovrapponibili nei risultati. La SR offre la possibilità di una miglior visualizzazione e una più rapida curva di apprendimento, che premettono una dissezione più rapida e più precisa, come pure un aumentato impiego di tecniche mini-invasive. Sebbene la SL rimanga il gold standard, la SR rappresenta un’eccellente alternativa in Centri ad elevato volume di chirurgia robotica dal punto di vista di risultati, fattibilità e costi.

inizio pagina