Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 September;62(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 September;62(3):259-71

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  RICERCHE IN UROLOGIA


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 September;62(3):259-71

lingua: Inglese

Effetti della tossina botulinica sulla vescica. Stato dell’arte sui meccanismi d’azione

Vianello A., Proietti S., Giannantoni A.

Urology Section, Department of Medical-Surgical Specialties and Public Health, University of Perugia,, Santa Maria della Misericordia” Hospital, Perugia, Italy


PDF  


La tossina botulinica (BoNTs) è stata recentemente impiegata nella comune pratica clinica urologica per la gestione ed il trattamento della iperattività detrusoriale (DO) di origine neurogena e non neurogena refrattaria ai trattamenti convenzionali. Il razionale del suo impiego in queste patologie, soprattutto per l” isoforma A della BoNT, riguarda la capacità che riveste la tossina di bloccare il rilascio dell” acetilcolina dalle efferenze parasimatiche determinando una paralisi del muscolo detrusore, azione simile a quella ottenuta nei confronti del muscolo striato scheletrico. Con la presente revisione della letteratura abbiamo investigato quale sia lo stato dell” arte delle attuali conoscenze sul meccanismo di funzionamento della tossina botulinica nella gestione di tali disfunzioni urologiche. Abbiamo condotto una ricerca tramite il motore di ricerca PubMed utilizzando le parola chiave “botulinum toxin” in associazione con ognuna delle seguenti: “mechanism of action”, “bladder”, “afferent” and “efferent nervous transmission”, “urothelium” and “suburothelium”, “detrusor overactivity”. Precedenti revisioni ed atti congressuali inerenti l” argomento sono stati selezionati. La lista delle referenze bibliografiche delle revisioni e degli articoli originali selezionati era ugualmente analizzata per perfezionare la ricerca. La stessa strategia di ricerca è stata condotta nel motore di ricerca EMBASE utilizzando identici termini EMTREE. Le più recenti evidenze emerse da esperimenti sia in vivo che in vitro suggeriscono che oltre ad un effetto diretto sull” innervazione motoria del muscolo detrusore la BoNT/A modula anche riflessi vescicali intrinseci attraverso un effetto multimodale sui pathway sensoriali. Tali meccanismi sembrano contribuire all” efficacia di questo trattamento spiegando parzialmente come la BoNT agisca sulle contrazioni detrusoriali anomale in modo più marcato dello stimolo minzionale volontario.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

alberto.vianello@unipg.it