Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Settembre;62(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Settembre;62(3):213-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Settembre;62(3):213-8

lingua: Italiano

Il trattamento con carnitina, acetilcarnitina, L-arginina e ginseng migliora la motilità spermatica e la salute sessuale negli uomini con astenozoospermia

Morgante G., Scolaro V., Tosti C., Di Sabatino A., Piomboni P., De Leo V.

Dipartimento di Pediatria, Ginecologia e Medicina Riproduttiva, Università di Siena, Siena, Italia


PDF  


Tra i fattori di infertilità maschile l’astenozoospermia rappresenta un problema sia di salute che sociale, tra questi sono frequenti alterazioni della funzione sessuale. Studi hanno dimostrato che l’acetilcarnitina e l’L-arginina migliorano la motilità spermatica e il ginseng aumenta la libido e la performance sessuale. Il nostro studio riguarda l’effetto della terapia con carnitina, acetilcarnitina, L-arginina e ginseng negli gli uomini con astenozoospermia idiopatica e alterazioni della soddisfazione sessuale. Abbiamo selezionato 180 pazienti con astenozoospermia, e successivamente randomizzati in due gruppi: gruppo A (90 pazienti) sottoposto a terapia; gruppo B (90 pazienti) non trattato. I pazienti avevano una concentrazione spermatica di 16,6±3,2¥106/mL e la motilità progressiva totale di 26,5±3,4%. La soddisfazione sessuale è stata valutata con l’indice di soddisfazione sessuale (ISS). Lo spermiogramma effettuato alla fine del trattamento dimostra un significativo miglioramento della motilità progressiva degli spermatozoi nei trattati. L’ISS alla fine del trattamento risulta significativamente migliorato nei trattati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

morgante@unisi.it