Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Giugno;62(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Giugno;62(2):157-61

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Giugno;62(2):157-61

lingua: Inglese

Tecnica semplificata di prostatectomia retropubica: più rapida e non più emorragica

Ghasem Mohseni M., Modaresi S., Hosseini S. R., Salavati A.

Tehran University of Medical Sciences, Tehran, Iran


PDF  


Obiettivo. Riportare la fattibilità tecnica della prostatectomia a cielo aperto modificata.
Metodi. Nel periodo compreso tra luglio 2004 e maggio 2007, 103 pazienti affetti da iperplasia della prostata benigna sono stati operati con questa tecnica. Abbiamo applicato soltanto due ampie suture trasverse sulla superficie anteriore della prostata e la capsulotomia è stata effettuata con elettrocoagulatore. Non si è proceduto all’incisione della fascia endopelvica, al controllo dei peduncoli laterali o alla transezione del legamento puboprostatico. Abbiamo analizzato in maniera prospettica i risultati preoperatori, operatori e postoperatori di tutti i pazienti.
Risultati. Il peso medio della prostata era 86 g (range: 65-195). Il tempo operatorio medio è stato di 43 minuti (range: 36-52). La durata media della cateterizzazione è stata di 5 giorni (range: 4-8). La degenza ospedaliera media è stata di 4 giorni (range: 3-7). La riduzione media dei livelli di emoglobina nel primo giorno postoperatorio rispetto ai valori preoperatori è stata di 1,3 g/dl. Il sanguinamento stimato medio durante l’intervento chirurgico è stato di 423 cc (range: 200-800 cc). Nel periodo postoperatorio, 9 pazienti (8,7%) avevano una urge incontinence di grado lieve.
Conclusioni. La prostatectomia retropubica da noi modificata è una tecnica semplice ed efficace che può ridurre significativamente il tempo operatorio. Rispetto ad altre tecniche, non abbiamo avuto significative differenze relative al sanguinamento e ai successivi cali dei livelli di emoglobina durante l’intervento chirurgico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

rhosseinim@yahoo.com