Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1):111-28

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  EMODIALISI: IERI, OGGI E DOMANI


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1):111-28

lingua: Inglese

Disordini del sonno nella nefropatia

De Santo R. M. 1,2, Perna A. 3, Di Iorio B. R. 4, Cirillo M. 3

1 Italian Institute for Phylosophical Studies, Naples, Italy;
2 Centre for the Quality of Life, Dialisi Neoren, Montesarchio, Benevento, Italy;
3 First Division of Nephrology, Second University of Naples, Naples, Italy;
4 Renal Unit, Solofra General Hospital, Solofra, Avellino, Italy


PDF  


I disordini del sonno sono frequenti nei pazienti affetti da nefropatia in fase terminale in terapia emodialitica o in dialisi peritoneale. Tuttavia, anche un trapianto di rene ben funzionante non risolve i problemi relativi al sonno, che sono presenti anche nell’insufficienza renale cronica in fase iniziale. Quando i pazienti vengono a conoscenza per la prima volta di essere affetti da una patologia come la malattia renale cronica, che può portare alla dialisi o nelle migliori delle ipotesi al trapianto di rene, iniziano a riferire un sonno disturbato. I disordini del sonno includono l’insonnia (I), l’apnea (SAS), la sindrome delle gambe senza riposo (RLS), il movimento periodico degli arti (PLMD), l’eccessiva sonnolenza diurna (EDS), il sonnambulismo, gli incubi, e la narcolessia. Il sonno disturbato non ha incontrato l’interesse clinico e scientifico che merita, inoltre non è disponibile una soluzione ben definita dei disturbi legati al sonno. Tuttavia, la conoscenza del fatto che il sonno di scarsa qualità è associato ad una scarsa qualità di vita e che comporta un aumento del rischio di mortalità ha recentemente stimolato l’interesse in questo ambito. Vi sono numerose cause putative dei disordini del sonno nell’insufficienza renale cronica e nella nefropatia in fase terminale. Per un’ipotesi unificatrice, fattori demografici, stili di vita, fattori correlati alla patologia, fattori psicologici, fattori correlati ai trattamenti medici e fattori sociali devono essere tenuti in considerazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

bluetoblue@libero.it