Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1):81-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  EMODIALISI: IERI, OGGI E DOMANI


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1):81-5

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Accesso vascolare per emodialisi e complicanze cardiovascolari

Santoro D., Savica V., Bellinghieri G.

Unit of Nephrology and Dialysis, University of Messina, Messina, Italy


PDF  


La fistula arterovenosa (FAV) native costituisce la prima scelta di accesso vascolare per il trattamento di emodialisi. Rispetto ad altri accessi vascolari, come la fistola artero-venosa protesica o il catetere venoso centrale a permanenza, la FAV ha dimostrato una significativa riduzione in termini di mortalità cardiovascolare. È necessario, ovviamente, un appropriato flusso ematico, con un flusso 400-800 mL/min in sede distale e un flusso di 800-1500 ml/min in sede prossimale. Di conseguenza, la creazione di una FAV può associarsi ad alterazioni del flusso ematico, della pressione polmonare e della gittata cardiaca. Tutte queste alterazioni emodinamiche possono non comportare conseguenza cardiache, oppure determinare un’insufficienza cardiaca congestizia, soprattutto nel caso di un flusso ematico della FAV superiore a 2000 ml / min. Per questa ragione, lo stato cardiaco del paziente deve determinare la scelta della dialisi e la tipologia di accesso vascolare. Il monitoraggio della funzionalità cardiaca è essenziale, soprattutto nel trattamento dei pazienti ad alto rischio di insufficienza cardiaca congestizia e FAV in sede prossimale. La chirurgia di riduzione dell’accesso vascolare può essere efficace in alcuni casi, altrimenti una valida alternativa può essere rappresentata dalla chiusura della FAV. Tuttavia, i possibili effetti collaterali che possono essere generati dalla chiusura di unna FAV, come un improvviso incremento della pressione venosa periferica sistemica, devono essere tenuti in conto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

santisi@hotmail.com