Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Marzo;62(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Marzo;62(1):29-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  EMODIALISI: IERI, OGGI E DOMANI


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 Marzo;62(1):29-40

lingua: Inglese

Disegni e composizione delle membrane per emodialisi, emofiltrazione ed emodialfiltrazione: passato, presente e futuro

Davenport A.

Center for Nephrology, University College London Medical School, Royal Free Campus, London, UK


PDF  


Attualmente, l’emodialisi rappresenta un trattamento ambulatoriale di routine, non solo praticato in ospedale, ma sempre più frequentemente in unità indipendenti attrezzate, senza una diretta supervisione medica. Uno dei maggior progressi che hanno sostenuto questa espansione dell’emodialisi è di natura tecnologica nell’ambito delle tecnologie delle membrane di dialisi. Le membrane di dialisi sono radicalmente cambiate, passando da tubi di collodion a fogli di cellulosa fino alle moderne fibre capillari. I miglioramenti non sono solo limitati all’affidabilità della manifattura, ma anche alla riduzione della bio-incompatibilità, e alle migliori clearance dei piccoli soluti. Tuttavia, il punto fondamentale rimane lo sviluppo di un dializzatore in grado di rimuovere soluti di medie dimensioni legati alla ritenzione azotemica, e soluti legati a proteine o lipofilici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

andrew.davenport@royalfree.nhs.uk