Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1):13-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  EMODIALISI: IERI, OGGI E DOMANI


Minerva Urologica e Nefrologica 2010 March;62(1):13-27

lingua: Inglese

Progressi nel monitoraggio del volume nei pazienti in dialisi

Rout P., Sandhu G. S., Khattak M., Goldfarb-Rumyantzev A.

1 Division of Nephrology, Beth Israel Deaconess Medical Center and Harvard Medical School, Boston, MA, USA
2 University of Massachusetts Memorial Medical Center, Worcester, MA, USA


PDF  


La stima dello stato volemico dei pazienti in terapia dialitica cronica è di grande valore clinico. Sia l’ipervolemia che l’ipovolemia sono associate a gravi complicanze a breve e a lungo termine, e lo stato volemico è spesso di difficile valutazione a causa di molteplici fattori che influenzano I compartimenti intravascolare ed extravascolare, come pure la variabilità inter-individuale in termini di pressione arteriosa ed esame obiettivo. I metodi tradizionali, come il peso secco stimato (EDW) e l’esame obiettivo sono spesso poco accurati a causa della natura soggettiva di questi indicatori e della variabilità basale inter-individuale. Ciò può condurre ad una stima poco accurata dello stato volemico, ed alle complicanze ad essa associata. Inoltre, il concetto di peso secco stimato è spesso definito in base alle misurazioni della pressione arteriosa che non necessariamente riflettono lo stato volemico. In questa revisione, gli autori descrivono diversi metodi di misurazione dello stato volemico in pazienti in dialisi, che potrebbero essere più accurati delle tradizionali misurazioni della pressione sanguigna e della stima del peso secco. Questi metodi includono le tecniche di diluizione, tecniche di imaging di strutture vascolari, utilizzo di biomarcatori, analisi della bioimpedenza e monitoraggio continuo delle variabili biochimiche durante la stessa dialisi. Gli autori, inoltre, discutono, l’applicabilità clinica e i confronti tra questi metodi, valutando i benefici e gli svantaggi delle diverse metodiche e le aree per la ricerca futura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

prout@bidmc.harvard.edu