Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 December;61(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 December;61(4):373-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  UN AGGIORNAMENTO IN NEFROLOGIA NEL 2009


Minerva Urologica e Nefrologica 2009 December;61(4):373-84

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il contributo delle cellule del midollo osseo nella riparazione renale dopo danno renale acuto

Masereeuw R.

Department of Pharmacology and Toxicology Radboud University Nijmegen Medical Centre Nijmegen Centre for Molecular Life Sciences Nijmegen, The Netherlands


PDF  


L’insufficienza renale acuta costituisce un frequente problema clinico e presenta una elevata mortalità, determinata generalmente da un insulto ischemico renale acuto. Nonostante ciò, dopo un danno ischemico, il rene presenta una elevata capacità di rigenerazione tissutale. Le cellule del tubulo sono in grado di ripristinare la loro normale funzione attraverso la proliferazione e la differenziazione in cellule mesenchimali, ma anche in cellule staminali di derivazione del del midollo osseo (BM). Sono stati osservati considerevoli progressi nello sviluppo di diverse tecniche al fine di studiare il ruolo della cellule staminali derivate dal BM nella rigenerazione renale dopo un danno acuto. La trans-differenziazione delle cellule BM in epitelio tubulare funzionante è già stata dimostrata precedentemente, tuttavia, gli effetti benefici del trapianto di BM possono essere accelerati mediante l’irradiazione dei topi prima del trapianto e del danno renale acuto. Studi recenti hanno dimostrato il ruolo paracrino ed endocrino delle cellule BM, nelle quali un miglioramento della funzione renale viene osservato senza un diretto coinvolgimento dell’epitelio tubulare. D’altra parte, è stato anche dimostrato che le cellule BM non presentano un miglioramento della funzione renale nonostante il loro aspetto tubulare. Questa review fornisce un overview sui recenti progressi nello studio del ruolo delle cellule BM e nelle strategie terapeutiche del danno renale dopo insufficienza renale acuta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

R.Masereeuw@ncmls.ru.nl