Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):301-308

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  THE MANAGEMENT OF BENIGN PROSTATIC HYPERPLASIA


Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):301-308

lingua: Inglese

Prostatectomia “a cielo aperto” ed evoluzione del laser ad holmio per il trattamento dell’iperplasia benigna della prostata

Suardi N., Gallina A., Salonia A., Briganti A., Cestari A., Guazzoni G., Rigatti P., Montorsi F.

Department of Urology, Vita-Salute San Raffaele University, Milan, Italy


PDF  


L’intervento di resezione endoscopica di adenoma prostatico (TURP) ed altri approci mini-invasivi costituiscono le metodiche chirurgiche più frequentemente utilizzate per il trattamento dei pazienti affetti da ipertrofia prostatica. Tuttavia, alcuni pazienti con prostate particolarmente voluminose non possono essere trattati con metodiche chirurgiche transuretrali, in considerazione delle dimensioni della ghiandola prostatica. Pertanto, in questi pazienti la prostatectomia “a cielo aperto” rappresenta l’opzione terapeutica di scelta. Nonostante tale intervento sia gravato da una morbidità superiore alle metodiche endoscopiche, sino a pochi anni fa non esisteva alcuna alternativa terapeutica per i pazienti con prostate assai voluminose. L’utilizzo del laser ad holmio per il trattamento dell’ipertrofia prostatica è stato introdotto nel 1996. L’enucleazione endoscopica di adenoma prostatico con laser ad holmio (holmium laser enucleation of the prostate, HoLEP) è stata recentemente proposta come un’alternativa chirurgica sia alla TURP che alla prostatectomia “a cielo aperto”, grazie alla possibilità offerta dalla metodica di trattare anche prostate molto voluminose. In questo articolo viene descritto lo sviluppo nel tempo della HoLEP, dalla sua iniziale presentazione sino all’analisi dei recenti risultati pubblicati riguardanti il follow-up a lungo termine nei pazienti con ipertrofia prostatica trattati chirurgicamente con la HoLEP. Tali dati permettono di definire la HoLEP come una valida metodica alternative sia alla TURP che all’adenomectomia prostatica “a cielo aperto”, garantendo validi risultati al follow-up, con minimi tassi di complicanze a breve e a lungo termine, e con percentuali di reintervento a lungo termine assai ridotti. In conclusione, la HoLEP si propone come terapia dei pazienti affetti da LUTS secondari a ipertrofia prostatica indipendentemente dalle dimensioni dell’adenoma prostatico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail