Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):235-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

  ACUTE KIDNEY INJURY


Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):235-48

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ruolo della proteinuria nella prognosi della nefropatia da IgA

Aucella F. 1, Netti G. S. 2, Piemontese M. 1, Cincione I. R. 2, Infante B. 2, Gesualdo L. 2

1 Department of Nephrology and Dialysis, Scientific Institute “Casa Sollievo della Sofferenza”, San Giovanni Rotondo, Foggia, Italy 2 Department of Biomedical Sciences and BioAgroMed, University of Foggia, Foggia, Italy


PDF  


La nefropatia da IgA (IgAN) è la glomerulopatia primitiva più diffusa al mondo. I principali fattori di progressione sono rappresentati dall’ipertensione arteriosa, dall’elevato grading istologico e dalla proteinuria, anche se altri, quali l’età e la funzione renale all’esordio, il sovrappeso, l’aumentata escrezione di citochine, possono altresì influenzare la prognosi. I pazienti affetti da IgAN non proteinurici mostrano una prognosi favorevole, mentre quelli in cui la proteinuria supera i 3 g/die hanno una probabilità di insufficienza renale terminale 25 volte superiore. È stato altresì elaborato il cosiddetto indice di proteinuria, ovvero il prodotto della durata in anni e della proteinuria in g/die, che ancor meglio si correla con la progressione della malattia renale. Per rallentare la progressione si utilizzano farmaci che hanno sia un effetto anti-ipertensivo che anti-proteinurico, ovvero inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e antagonisti recettoriali dell’angiotensina, anche in combinazione, con l’intento di ridurre il danno glomerulare. È stato chiaramente dimostrato che la proteinuria sia il principale fattore prognostico nella IgAN, per cui può essere ritenuta un valido surrogato per una terapia nefroprotettiva individualizzata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail